A fargli paura, per cui, non è tanto il male, ma la condizione degli esseri umani che vivono una guerra personale dal di dentro, una lotta che sfiora, coinvolge e a volte distrugge anche gli angeli. Fa spavento dover morire, dover essere umani. Fa spavento lasciare un carcere, per tornare alla vita di sempre: alla famiglia, alla propria casa, ai vecchi amici, quasi si preferisse la freddezza di una stanza con le sbarre e un muro sporco.

I difetti sono quelli classici del bio pic, specie su un uomo di pensiero e non di azione: difficile, se non impossibile, rendere la profondità degli ideali di Confucio se non cercando di suggerirne la grandezza. E così, costrette dalle ganasce dell’economia narrativa di un blockbuster, le massime di Confucio finiscono spesso per assomigliare a quelle dei biscottini della fortuna anziché a quelle attribuite al moralizzatore dei costumi nella Cina antecedente all’unificazione. Hu Mei, forse condizionato dalla gravità della materia trattata o da pressioni esterne (tema non nuovo nella Cina Popolare), a volte accenna uno scarto ma poi sceglie di ritrarsi.

In many cases police reported that they were attempting to stop distressed people committing suicide. Times, Sunday Times (2012)Our government is to that view. Salkie, Raphael The Chomsky Update Linguistics and Politics (1990)The extremists are in prison because they have a serious crime and are considered a danger.

I giornali italiani si sono occupati poco del premio Pulitzer per la narrativa assegnato ad aprile ad Andrew Sean Greer per il romanzo “Less” (La nave di Teseo). Eppure la vittoria di questo quarantasettenne americano, dall’aspetto tipicamente wasp, è anche un po’ italiana. Greer vive nel borgo sperduto di Donnini, a un’ora da Firenze, sulle colline frondose e impervie che circondano la Santa Maddalena Foundation, di cui è direttore da due anni.

Sentendo l’esigenza di perfezionarsi segue le lezioni di recitazione della leggenda dell’acting coach Terry Schreiber di New York, come già avevano fatto prima di lui Edward Norton e Kimmilee Bryant. In seguito a un gran numero di spettacoli Off Broadway e all’entrata nella compagnia teatrale newyorkese “The Drama Department”, lavorerà con Horton Foote e John Cameron Mitchell, salvo sbancare il lunario con qualche piccola partecipazione televisiva (Law Order I due volti della giustizia, 1995).L’esordio sul grande schermo e le pellicole indipendentiNel 1995, verrà scelto da Tim Robbins per il ruolo di Walter Delacroix, una delle vittime del carcerato condannato a morte Sean Penn in Dead Man Walking Condannato a morte, anche con Susan Sarandon. Sarà il suo primo film di esordio.