Lo scioglimento del gruppo, per il giovane Tognazzi, rappresenta una grande delusione. Accusa il colpo, ma grazie al suo indubbio talento riesce ad entrare all’interno di una nuova compagnia teatrale, quella di Erika Sandri: un’esperienza, questa, che lo porta in giro per il paese e che lancia il suo nome nel giro che conta.Gli esordi artistici e la commedia all’italianaTrascorrono infatti solo pochi mesi e Tognazzi esordisce dapprima al cinema, con il film I cadetti di Guascogna (1950) di Mario Mattoli, e poi nella neonata televisione (1954), dove lavora in coppia con Raimondo Vianello ad un programma comico. Il duo, formatosi subito dopo il loro incontro, nel 1951, approda sul piccolo schermo con “Un due tre”, primo varietà satirico della storia della TV italiana.

Perch quando sono queste porcherie mal curate e senza senso a fare incassi al botteghino vuol dire che c qualcosa che non va. C’è stata l’introduzione di nuovi personaggi, ma i protagonisti indiscussi sono sempre loro, Ruggero DeCeglie e il figlio Gianluca, catapultati da MTV sul grande schermo per la seconda volta in un corto circuito di gag, trash e siparietti con il loro carretto di personaggi tra il demenziale e il surreale. C’è stata l’introduzione di nuovi personaggi, ma i protagonisti indiscussi sono sempre loro, Ruggero DeCeglie e il figlio Gianluca, catapultati da MTV sul grande schermo per la seconda volta in un corto circuito di gag, trash e siparietti con il loro carretto di personaggi tra il demenziale e il surreale.

Con Robby Benson, Paul Newman, Ellen Barkin, Morgan Freeman, Maury Chaykin.continua Al Nesor, Judith Ivey, Wilford Brimley, Joanne Woodward, Ossie Davis, Katherine Borowitz, Harold Bergman, Will Knickerbocker, Robert Goodman, Tom Nowicki, Michael Brockman, Cathy Cahill, Claudia Robinson, Joseph Hess, Russ Wheeler, Joseph Alva, Joe Sikorra, Jerry Barrett, David Mungenast, Don Moody, Leroy Dykes, Jill Selkowitz, Patricia A. Frye, Dennis W. Edwards, Jan Siegel, Suzanne M.

Dopo essere stato spalla di Lawrence anche nel piccolo schermo, in numerosi telefilm, Morgan costituisce lentamente una gavetta molto solida nella cinematografia all black.L’attore e il doppiatoreLa sua filmografia è costituita da titoli come Jay Silent Bob. Fermate Hollywood! (2001), Due sballati al college (2001), L’altra sporca ultima meta (2005) con Burt Reynolds, Quel nano infame (2006) e Superhero Movie (2008), ma è anche formata da numerosi lavori di doppiaggio come il ruolo di Satchel Paige in Io, lei e i suoi bambini (2005), Farce of the Penguins (2006) con Samuel L. Jackson e la serie tv animata Where My Dogs At? (2006) dove presta la voce a Woof.30 RockStella del telefilm comico 30 Rock (2006 2008), lavora diretto da Adam Bernstein e Don Scardino accanto a Tina Fey, Jane Krakowski, Judah Friedlander, Scott Adsit, Keith Powell, Teddy Coluca, Alec Baldwin e Lonny Ross, continuando a cesellare personaggi ricchi di egocentrismo insopportabile, martoriati, sgradevoli, meschini, ma comici.Con Jake Gyllenhaal, Jessica Biel, Catherine Keener, James Marsden, Tracy Morgan.continua Beverly D’Angelo, James Brolin, Steve Boles, Kirstie Alley, Jenny Gulley, Bill Hader, Darlene Hunt, Kurt Fuller, Malinda Williams, Paul Reubens, Jon Stewart, Catherine Dyer, David Ramsey, Olivia Crocicchia, Conrad Goode, Bonnie Aarons, Erin Rhea Berson, Michael Harding, Mert Hatfield, Mary Firestone, Barbara Weetman, Erin Hunter, Kendrick Cross, Simon Hamlin, Catherine Trail, Jerry Cashman, Micah Shane Ballinger, Kimberly Campbell, Roxanne Fox, Albert Gore III, Mellie Boozer, Ronald White, Jessica Carter, Stephen Kay, Jim Keisler, Richard Arboscello, Steve McClure, Cate McGrawCon Bruce Willis, Tracy Morgan, Adam Brody, Kevin Pollak, Ana de la Reguera.continua Guillermo Diaz, Michelle Trachtenberg, Seann William Scott, Jim Norton, Mark Consuelos, Adrian Martinez, Eddie J.