Germania, anni Settanta. Léopold, un rappresentante di commercio cinquantenne, incontra Franc, 19 anni. Lo invita a casa sua e nasce una storia d’amore. I was surprised, as were most of my Republican sources, three weeks ago, when Mitt Romney said he was going to reconsider. I was surprised, as they were, today when he announced that he wasn’t going to run. I think what he got was, he got a lot of goodwill and respect, as he is respected within the party, but not a stampede of people signing up and wanting to jump on board, either as committed supporters or contributors or fund raisers..

E stata Cleopatra, la dea Kali, uno scheletro, Jessica Rabbit, una scimmia e molto altro. Il tradizionaleHeidi Klum Halloween party, giunto alla 17esima edizione, ha visto la modella tedesca impersonare infiniti ruoli ma quest la star ha impersonato se stessa. Troppo banale? No se pensate che Heidi Klum si è presentata sul red carpet con cinque cloni identici a lei, scatenando la caccia alla vera Heidi..

Dopo essere stata la co conduttrice di “Uno di noi” (2002 2003) e la presentatrice di “Libero” (2001) e “Nessundorma” (2004), viene scelta da Carlo Mazzacurati per affiancare Fabrizio Bentivoglio nell’omonimo remake di A cavallo della tigre (2002) di Luigi Comencini e con Nino Manfredi, e si presta per una parte più drammatica nel film Il posto dell’anima (2003) di Riccardo Milani, senza però convincere particolarmente la critica e il pubblico. Ci si aspetta, insomma, una delle sue smorfie comiche da un momento all’altro! Torna a essere compagna di set di Claudio Santamaria in Passato prossimo (2003) di Maria Sole Tognazzi, poi esplode nella sua esuberanza come “valletta” o presunta tale al Festival di Sanremo, accanto a Simona Ventura, con la quale aveva già collaborato in “Quelli che il calcio.”. Conquista veramente tutti con Tu la conosci Claudia? (2004), sempre affiancata dal trio Aldo, Giovanni Giacomo, e dopo in Non prendere impegni stasera (2006) di Gianluca Maria Tavarelli, riesce veramente a farsi anche interprete drammatica con la fiction biografica Maria Montessori Una vita per i bambini (2007) dello stesso regista, all’interno della quale investe il ruolo della pedagoga più nota al mondo, offrendo quel lato d’umanità che mancava a una figura troppo spesso reclusa nei libri di psicologia e pedagogia.Tra teatro, tv e ancora cinemaNel frattempo, a teatro, fa il pienone con lo spettacolo “Gli ultimi saranno ultimi” (2005 2006), anche se aveva dato prova di se stessa anche ne: “Roberto Zucco” (1996), “Bianca Snow” (1996), “L’uomo che inventò la televisione” (1997), “Cose che capitano” (1998), “Umane gesta” (1999) e “Ancora un attimo” (2003 2004).