Esponente di un cinema popolare pieno di slanci generosi come di vizi ricorrenti, l’autore napoletano rimuove la Storia e fa agire i suoi personaggi in un vuoto pneumatico. Se a mancare nel film è il motore collettivo, ridotto a esterni da “presepe” e a schermaglie da condominio, Una festa esagerata incoraggia quanto meno il cambiamento individuale del protagonista che si ribella alla voracità dei ‘cari estinti’ e alla sclerosi spirituale di Napoli. In linea col (consueto) cinema popolare italiano, Una festa esagerata esprime senza complessi la sua natura di spettacolo: gratuito, scoppiettante, colorato.

Uno strano gioco di rimandi, dato che suo padre aveva doppiato il Joker del Batman (1989) di Tim Burton che però era interpretato da Jack Nicholson. Ottimo attore, si presta con notevole versatilità anche per il piccolo schermo: la miniserie Tigri di carta (2008) di Dario Cioni con Rocco Papaleo, Alessandro Haber e Valentina Cervi, la fiction Amore proibito (2008) e la serie tv L’isola dei segreti (2009) di Ricky Tognazzi. Dopo una collaborazione con Muccino in Baciami ancora (2010), si farà notare nel nuovo film di Saverio Costanzo (In Treatment L’appuntamento) così come nella commedia di Veronesi Una donna per amica (2014).Ogni rosa ha la sua spina così come ogni storia ha le sue pieghe oscure che il cinema cerca di mettere letteralmente in luce.

Nato a New York City, figlio di una batteriologa e di un pubblicitario, cresce in una famiglia di religione cattolica e di origine irlandese ad Armonk nel benessere più totale. Dopo aver frequentato la Byram Hills High School si iscrive alla Tufts University, dove si mette in mostra come attore. E sono proprio quelle esperienze sul palcoscenico, nel periodo del campus, che lo porteranno poi a teatro nel musical “Company” e a cantare con un gruppo a cappella solo maschile, i Beelzebubs.

Film commovente narra la storia di una famiglia tipica di campagna che con grandi sacrifici e debiti, cadendo anche in mano a uno strozzino per il quale il capofamiglia viene quasi incastrato per l’omicidio, riesce a portare il figlio alla laurea in legge e quindi a mandarlo a napoli per riuscire un grande avvocato.Il figlio dopo la partenza vive una vita sperperosa e cattiva, nn si fa + sentire cn la famiglia e arriva al punto di vergognarsi di essa quando si innamora e porta avanti la sua storia cn una italoamericana snob, perchè sia lei che la famiglia lo rifiuterebbero sapendo delle sue origini, e nn gli offrirebbero più l’incarico che gli hanno trovato a new york.Il figlio dopo la partenza vive una vita sperperosa e cattiva, nn si fa + sentire cn la famiglia e arriva al punto di vergognarsi di essa quando si innamora e porta avanti la sua storia cn una italoamericana snob, perchè sia lei che la famiglia lo rifiuterebbero sapendo delle sue origini, e nn gli offrirebbero più l’incarico che gli hanno trovato a new york.Prima di partire per l’america i genitori di lei vogliono vedere le terre di cui lui dice essere proprietario, e si recano quindi nella zona, ma lui nn vuole passare da casa per non essere scoperto ma viene tradito da un guasto all’auto. Costretto ad andare a casa sua rinnega i genitori chiamandoli e trattandoli come se fossero genitori adottivi che lo hanno allevato dopo la morte dei suoi “veri” genitori ricchi giudici. Il padre fa entrare la madre in casa x nn darle un grande dispiacere, e rinnega il figlio, che nn riesce nemmeno a guardarlo in faccia.Il figlio va a new york, ma la madre è quasi in punto di morte e chiede al marito dal letto di esaudire la sua ultima volontà per farla felice, cioè quella di stare ancora una volta accanto al figlio .Lo zappatore parte per new york, e per fortuna incontra subito un tassista che è di benevento, la sua stessa provincia.