For that, we turn to Frederic Bozo, a professor of history and international relations at the Sorbonne in Paris. He’s currently a visiting scholar at the Woodrow Wilson Center here in Washington. And Jim Hoagland, a contributing editor and columnist at The Washington Post, he was the Post’s Paris bureau chief from 1975 to ’79 and recently was awarded France’s Legion of Honor..

Questa volta al timone c’è Matt Reeves e la differenza si sente. Pur rimanendo dalle parti di una narrazione molto semplice e diretta, in cui tutto quel che c’è da sapere passa per i dialoghi o è chiaramente messo in scena, l’avventura della scimmia Cesare e del suo rapporto difficile sia con gli umani che con i suoi simili è raccontata con l’abilità necessaria a rendere la parabola una storia appassionante. Non è certo intenzione di Apes revolution innovare lo storytelling ma la maniera in cui interpreta questo preciso mix di generi guardando sempre il suo protagonista in faccia, partendo e tornando da lui e dai suoi occhi (come nell’apertura e chiusura del film), sembra l’unica possibile per fare di un film simile un’opera coinvolgente..

Il cinema si alimenta di sogni, di nostalgie e di desideri collettivi, molto più che di realtà, l’ha sempre detto lui. E nei suoi sogni, nelle sue nostalgie e nei suoi desideri c’è sempre la Natura. Sia essa il volto di una verde giungla o di un sabbioso deserto.

I figli ballano(1983), sarà invece scartato per un più giovane Tom Cruise, ma si consolerà sposando l’attrice, produttrice e regista Rita Wilson (conosciuta proprio sul set del telefilm Kip e Henry), dalla quale avrà altri due figli: Truman Theodore e Chester Marlon. Attore prediletto di Ron Howard, Nora Ephron e Robert Zemeckis, sarà grazie a Penny Marshall che riceverà la sua prima nomination agli Oscar come miglior attore protagonista di Big (1988), nonché un Golden Globe nella stessa categoria. Battuto da Dustin Hoffman per Rain Man L’uomo della pioggia, diventa però l’attore preferito in America sia dal pubblico maschile che da quello femminile, conquistandosi altri due soprannomi: “Mr Nice” e “Mr Linkeable”, ovvero “Signor Simpatia”.Dietro la macchina da presaMa non c’è solo recitazione nella vita di Tom Hanks, infatti l’attore fa le sue prime esperienze dietro la macchina da presa firmando alcuni episodi de Tales from the Crypt (1992), seguito poi dalla sua opera prima Music Graffiti (1996) con il sottovalutato Tom Everett Scott, Liv Tyler, Jonathan Schaech, Steve Zahn, Charlize Theron, Giovanni Ribisi, Bill Cobbs e.