Come tante sere, ho aperto internet per perdere ancora quella mezz’oretta prima di andare a dormire. E ho scritto “guadagnare con internet”. Il che mi ha portato a una serie di risultati davvero deludenti, come “guadanga 1000 euro al mese in pochi minuti!” o “diventa ricco vendendo Cialis!”..

Quella vissuta nelle ultime ore senza dubbio la prima crisi istituzionale vissuta su Facebook. Lo si evince da molti indizi, a partire dai protagonisti: tanto Luigi Di Maio (1,6 mln di follower) quanto Matteo Salvini (2,2 mln di follower) hanno dimostrato di essere degli abili “youtuber” (licenza poetica nostra, visto che non su YouTube che hanno sfoderato le proprie capacit in video), estremamente incisivi nel portare il loro messaggio su Facebook per raccogliere like, reazioni e condivisioni. Ma persino il ha avuto il proprio messaggio pubblicato sulla piattaforma di Mark Zuckerberg, anche se con un linguaggio pensato per altri medium, anche se al di fuori di una vera strategia di engagement e di conseguenza anche se i commenti non son evidentemente giunti da follower particolarmente affezionati..

The problem of child labour in India government intervention in the elimination of child labour Modi. 13. Social security for child labourers in informal sector in Eastern Uttar Pradesh Shukla. Siamo negli anni ’70 e la Storia irrompe nel film di Scott restituendo l’allucinazione del Vietnam, la temperatura del conflitto e gli interessi intorno al conflitto. Frank Lucas è un nero del Sud che costruisce una versione personale e anomala di una storia americana di successo, che sostituisce il “padre” al comando e che rappresenta l’ascesa di una generazione contro un’altra: vecchia nuova America, vecchia nuova “mafia” (Lucas acquisisce il modus operandi della struttura mafiosa, impiegando nel suo business i cinque fratelli e i tanti cugini). Lo stesso Frank subirà, nell’ultimo e significativo fotogramma, l’affiorare aggressivo della next generation, la generazione successiva rappresentata (ma disincarnata) dal rampante hip pop.

Nel 1998, è di nuovo sceneggiatore, collaborando con Antonio Capuano alla stesura dello script di Polvere di Napoli e scrivendo alcuni episodi della serie tv La squadra. Parallelamente, dirige un nuovo corto L’amore non ha confini (1998), finanziato dalla Indigo Film, con la quale collaborerà anche in futuro. La casa di produzione, infatti, rimane folgorata dalla storia di un boss sopranominato Mahatma, che nascosto in un rifugio segreto, fa chiamare un sicario per trovare un amore giovanile.